Home | News 

NOTIZIE TERZIARIO LAVORO

11/12/2012

Anticipazione congedo di maternità e part time

Il presupposto dell’interdizione anticipata per gravidanza a rischio consiste in uno stato di salute che non può consentire la prosecuzione dell’attività lavorativa. Qualora la lavoratrice in gravidanza abbia in essere più contratti di lavoro part-time presso diversi datori di lavoro, deve dichiararlo al fine di consentire l’adozione di più provvedimenti di interdizione, uno per ogni rapporto di lavoro part-time in essere. Analogalmente, si dovranno adottare più provvedimenti anche qualora la gestante abbia in essere più contratti di lavoro intermittente, o
contratti di collaborazione coordinata e continuativa a progetto, o di associazione in partecipazione. A tal proposito, il Decreto Ministeriale 12.07.2007 ha esteso il diritto all’interdizione anticipata per gravidanza a rischio anche alle lavoratrici a progetto ed alle associate in partecipazione iscritte alla Gestione separata INPS.


Uso frazionato del congedo parentale

In caso di fruizione del congedo parentale in modo frazionato, è necessaria la ripresa effettiva del lavoro tra una frazione e l’altra, ma tale ripresa non è non rinvenibile nella fruizione di un periodo di ferie. Quindi, se i periodi frazionati si susseguono in modo continuativo, oppure sono
intervallati da ferie, i giorni festivi sono conteggiati come giorni di congedo. Qualora, invece, il genitore, a seguito di un periodo di congedo parentale, fruisca, immediatamente dopo di giorni di ferie o malattia, riprendendo quindi  l’attività lavorativa, le giornate festive cadenti tra il periodo di congedo parentale e le ferie o la malattia non vanno computate nel congedo parentale.

Invia questa pagina ad un amicoInvia questa pagina ad un amico
Esac Formazione Confcommercio Vicenza CGIL VICENZA FISASCAT UIL VICENZA Fondo Est Fondo FON.TE. Fondo FOR.TE Fast - Fondo Assistenza Sanitaria Turismo
Engineered SITEngine by Telemar
- P.IVA 00331890244 - sitemap - informativa sui cookies