Home | News 

Licenziamento del disabile per ridotta idoneità alle mansioni

30/01/2014

In tema di licenziamento, la Corte di Cassazione ha statuito la piena legittimità del provvedimento espulsivo per giustificato motivo oggettivo nei confronti del lavoratore appartenente a categoria protetta, rispetto al quale il medico competente ha accertato la ridotta attitudine allo svolgimento delle proprie mansioni.
Nello specifico la Suprema Corte, con la Sentenza n. 28426/2013, ha precisato che, a causa della malattia sopravvenuta, il lavoratore disabile non è più in grado di offrire una prestazione utile al datore, in quanto parziale e frammentaria, e non è possibile ricollocarlo in altre mansioni.

Invia questa pagina ad un amicoInvia questa pagina ad un amico
Esac Formazione Confcommercio Vicenza CGIL VICENZA FISASCAT UIL VICENZA Fondo Est Fondo FON.TE. Fondo FOR.TE Fast - Fondo Assistenza Sanitaria Turismo
Engineered SITEngine by Telemar
- P.IVA 00331890244 - sitemap - informativa sui cookies